Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
31 mars 2008 1 31 /03 /mars /2008 09:27
Eterna lotta tra bene e male. In questo libro di Calvino rappresentate da due metà ben distinte ..... il visconte Medardo di Terralba viene diviso in due da un colpo di cannone e torna a casa con la sola metà di un corpo, raggiunto poi dall'altra sua metà. Una crudele e spietata che dispensa solo dolore e danni che viene chiamata poi il Gramo e l'altra buona che predica il bene e pone rimedio alle crudeltà chiamata poi il Buono. Il Gramo che vive nel castello da grande signore e padrone e il Buono che vive nei boschi da povero. Però ognuno dei due è eccessivo nella sua natura, il Gramo crudele all'infinito e il Buono troppo buono tanto da portare disagi con le sue troppe buone azioni. Circondati da altri personaggi che non riescono a dare preferenza all'uno o all'altro le due metà alla fine vengono ricongiunte .... torna cosi l'uomo come uomo deve essere. La morale è che ci vuole sempre equilibrio .... un uomo non può essere solo crudele o solo buono .... deve trovare la giusta via di mezzo per essere gradito .... a volte ci vuole la crudeltà e a volte ci vuole il buonismo. Mai eccedere

Partager cet article

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article

commentaires

Lucy 31/03/2008 09:46

L'ho letto, anni fa, insieme agli altri due romanzi della trilogia degli antenati.... Che dire: Calvino è Calvino...
Mi permetto di segnalare la parodia Disney del visconte dimezzato, davvero deliziosa: un Pippo visconte, dimezzato, però, in altezza, diventando due visconti nani, uno buono ed uno cattivo, poi "riassembleto" da una strana macchina ingegnosa costruita da Archimede e Orazio.... spassosissimo! :-D