Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
6 août 2008 3 06 /08 /août /2008 16:03
Fu il capitano Robert Lewis, dopo aver verificato con un binocolo gli effetti della bomba sganciata su Hiroshima, a scrivere nel suo diario: "My God what have we done?"
Mio Dio, cosa abbiamo fatto?
Il mattino del 6 Agosto 1945 l'Aeronautita Statunitense sgancia la prima atomica
chiamata LITTLE BOY ...... trasportata dall'ereo ENOLA GAY
viene lanciata sulla città Giapponese di HIROSHIMA
esplose ad un altitudine di 576 metri con una potenza pari a 12.500 tonnellate di TNT. Little Boy provocò: circa 130.000 morti, 177 mila persone sfollate, e morte negli anni successivi, dovuta alle radiazioni.
Se ne torna a parlare e si dimentica che l'Italia è già un paese nucleare. Sul suo territorio ci sono infatti novanta bombe atomiche americane. E questo anche se l'Italia ha sottoscritto i trattati internazionali di non proliferazione, anche se la legislazione italiana lo vieta espressamente con la legge 185 del 9 luglio 1990, e anche se c'è stata la dichiarazione italiana di non far parte del «club atomico» con tutti gli obblighi internazionali che ne derivano.Tutto questo è emerso dallo studio «Us nuclear weapons in Europa» dell'analista statunitense Hans Kristensen del Natural Resources Defence Council di Washington.

Secondo il rapporto nelle basi americane in Europa ci sono ben 481 bombe nucleari, dislocate in Germania, Gran Bretagna, Italia, Belgio, Olanda e Turchia. In Italia ve ne sono 50 nella base di Aviano e altre 40 in quella di Ghedi, in provincia di Brescia. Tra Italia e Stati Uniti esiste un accordo segreto per la difesa nucleare, rinnovato dopo il 2001. William Arkin, un esperto dell'associazione degli scienziati nucleari, ne ha rivelato recentemente il nome in codice: Stone Ax (Ascia di Pietra). Le bombe nucleari in Italia sono di tre modelli: B 61 -3, B 61 - 4 e B61 - 10. Il primo ha una potenza massima di 107 kiloton, dieci volte superiore all'atomica di Hiroshima; il secondo modello ha una potenza massima di 45 kiloton e il terzo di 80 kiloton.

Il governo di George Bush ha ribadito molte volte di non escludere l'opzione nucleare per rispondere ad attacchi con armi biologiche o chimiche ed ha avviato la produzione di bombe atomiche tattiche di potenza limitata, e non esclude di servirsene contro i paesi che considerano terroristi. Almeno due di questi paesi, Siria e Iran, si trovano nel raggio dei bombardieri in Italia.


Partager cet article

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans di tutto e di più
commenter cet article

commentaires

Federica 14/08/2008 07:58

ooooppsss, pure da me ci sono due premi che ti aspettano... vieni a vendemmiarli!

puntocroce 13/08/2008 10:07

ciao Tarta!! sono passata a salutarti e a dirti che c'è il premio Flor de Blog per te sul mio blog da ritirare...
ti aspetto,
ciao
maria rosa

Federica 09/08/2008 09:56

Ipocritamente ironico. O ironicamente ipocrita. Ad Aviano c'è uno dei pricipali centri oncologici del territorio, a pochi passi da una base che custodisce ben 40 ordigni nucleari. E' come dire che una sede dell'Anonima Alcolisti ha come dirimpettaia la cantina sociale con spaccio aperto al pubblico. Da non credere.

mariarita 07/08/2008 08:32

My God!!!Noi servi della gleba degli americani in delirio di onnipotenza...non facciamo le centrali nucleari e abbiamo in casa quello della peggior specie, quello nato per uccidere ed in quantità molto elevate...che dire mia cara Ornella, di un presidente che si sente un Dio e che crede veramente di essere stato unto dal Signore...la follia non ha limiti e questa è pure ad alti livelli!!!
Bacioni Mariarita

Pam 06/08/2008 16:56

Sono sconvolta e schifata...Chissà che il nuovo Presidente USA sia più intelligente e meno guerrafondaio di "faccia da scimmia"!