Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
19 octobre 2010 2 19 /10 /octobre /2010 17:08

forbici-in-mano.jpgLa corsa di Augusten inizia a nove anni e non rallenta più per tutta l'adolescenza, incastrata tra quel grottesco insegnante di matematica alcolizzato che dovrebbe essere suo padre e una madre sofisticata e vanesia che sogna di vedere i propri versi pubblicati sul "New Yorker". Con le sue giacche blu navy, i capelli sempre laccati e il sogno glamour di diventare parrucchiere per dive o medico in una soap-opera, Augusten viene letteralmente scaricato dalla madre al dottor Finch, il suo psichiatra. Nella casa tutta rosa dove il dottore vive insieme alla moglie, appollaiata davanti alla televisione a sgranocchiare crocchette per cani, si aggirano i loro figli, sette tra biologici e adottivi, e tutti i pazienti variamente psicotici che entrano nella pink house e molto spesso decìdono di non uscirne più, di farsi adottare o di sedurre uno qualsiasi dei membri della famiglia.

 

il filo che divide la normalità dalla pazzia è sottilissimo e con un nulla può spezzarsi facendoti cadere nel baratro

nello stesso tempo trova fondamento quello che è sempre stato un mio pensiero: per fare lo psicologo bisogna essere dotati di una forma propria di pazzia

il libro è caotico, il racconto di una adolescenza che ... se da una parte è il sogno di tutti gli adolescenti, dall'altra è talmente assurda da non essere credibile

sembra più fatta per impressionare chi legge

questa ipotetica famiglia Finch che vive di piena libertà senza regole, senza soldi, senza pulizia, dove tutti i personaggi sono mentalmente compromessi, dove i ragazzini di 13 anni fanno sesso sfrenato, dove si mangiano crocchette per cani e si prevede il futuro guardando le feci del padrone di casa ...... è difficile che possa essere realmente esistita

visto anche che tutti i personaggi esterni che con essa vengono a contatto non sono "normali" .... ognuno ha qualche stranezza tutta sua

che sia allora che lo scrittore volesse faci vedere quante persone pazze ci sono in giro?

o che volesse farci vedere che la nostra normalità è invece talmente in minoranza da poter essere considerata pazzia?

boh ... fattostà che non mi ha preso .... non mi fa ridere ... e in alcuni pezzi mi disgusta

proprio perchè sembra scritto appositamente per creare disgusto

di tutt'altra pasta il film ... che ho voluto vedere assolutamente appena letto il libro .... ecco, il film è decisamente migliore

Partager cet article

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article

commentaires