Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
7 mai 2010 5 07 /05 /mai /2010 10:00

Fiori-di-acacia.jpgora vi chiederete che cosa possa essere mai la Gadia!!!!

semplicemente è il nome veneto con cui viene chiamata la pianta di Acacia

quindi frittelle con fiori di acacia

una prelibatezza che può essere considerata anche un piatto della tradizione Veneta

infatti da quando sono nata .... tanti anni fa ..... non c'è stato anno in cui nel periodo della loro fioritura a casa nostra non si siano mangiate le frittelle

ora siamo in piena fioritura e nè il brutto tempo nè la pioggia ci fermano

quindi ricettina:


- per prima cosa bisogna procurarsi i fiori ..... di piante di acacia ce ne sono dappertutto quindi non è difficile ..... la prima raccolta si fa con la forbice, si raccolgono tutti i grappoli bianchi

una volta a casa si puliscono bene ... attenzione perchè sono fiori molto profumati e quindi meta preferita di api e formiche .....poi si può scegliere se fare una frittellona grande usando il grappolo intero o se si preferisce sgranarlo

noi lo sgraniamo e friggiamo quindi tutto a cucchiaiate

- si mescolano bene 3 uova - 100 gr. zucchero - 100 gr di farina - un cucchiaino di lievito per dolci e latte quanto basta per rendere il tutto una pastella morbida morbida

si aggiungono i fiori in buona quantità e se l'impasto diventa troppo denso si allunga ancora con un pò di latte

- si frigge in abbondante olio di semi finche non diventano belle rosate ..... poi si cospargono di zucchero (come per tutte le frittelle)


sono una squisitezza credetemi

solo un pensiero ...... nonostante noi si segua la ricetta alla lettera mi spiegate perchè le mie sono appena passabili e quelle della Tartamamma sono favolose?????

SGRUNF


buon dolce we ^_^

Partager cet article

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans di tutto e di più
commenter cet article

commentaires

Mariagrazia 08/05/2010 22:55



Dalle mie parti si chiamano "gasiglie", ma non avevo mai sentito parlare di queste frittelle, che mi iincuriosiscono tantissimo, da provare!


Mariagrazia


 



dori 07/05/2010 13:30



urca come mi ispira questa ricetta. appena esco vado a prendere i fiori, c'è una pianta dietro casa. Nello stesso modo io friggo i fiori di sambuco, anche quelli slurp. ciao ciao Dori



Pam 07/05/2010 13:06



Questa proprio non la sapevo...e tu dirai sai che strano che una cuoca provetta come la pamiana non conosca questo piatto! Non so nemmeno rispondere al quesito, dovrei prima assaggiare quelle fatte da te e poi le sue, infine alla Vissani darò i voti ^__^!
Buon week end e grazie per la ricetta, che provvederò a passare al cuoco, baci baci Pam



Many 07/05/2010 12:20



Wow!  Questa mi giunge davvero nuova, non ne avevo mai mai mai sentito parlare!!  Però mi ispira parecchissimo!!! Cavolo il mio cervello si è già messo in moto...dove cavolo lo trovo un
albero di acacia?  Non c'è vicino casa mia...però dove stavo prima sì!!!!  La provo di sicuro!!


Per quanto riguarda il tuo quesito...mi associo alla domanda, la stessa identica ricetta fatta da mia mamma e da me vede un abisso quando si arriva al risultato!!  E infatti ricetta e fiori
li porterò a lei!!! hihihihi



zidora 07/05/2010 11:21



Gnam!!!! Devono essere buonissime! Da noi si chiama "gasìa". E comunque le stesse ricettine fatte dalla mamma son sempre migliori, non ti dico se son fatte dalla nonna!!!! :-))))