Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
11 février 2011 5 11 /02 /février /2011 11:00

mozart.jpgSoltanto la sera prima, il 5 di dicembre, Wolfgang Amadeus Mozart si trovava sul letto di morte e ora invece si sveglia in una camera che non riconosce. I vestiti che indossa non sono i suoi, ma tutto comunque gli appare diverso, strano, bizzarro. Eppure si sente bene, come non si sentiva da tempo. Che quel luogo arredato in modo incomprensibile (luci che non sono originate da nessuna candela, musiche che non provengono da nessuno strumento, calore che si diffonde senza che vi sia alcun fuoco) sia l’anticamera del Paradiso? O forse quella dell’Inferno? Il Signor Mozart non lo sa, ma presto realizza che quello in cui si è svegliato non è più l’anno 1791, ma il 2006. L’unica spiegazione che riesce a darsi è che ciò sia accaduto per una ragione sovrannaturale e divina: perché possa infine terminare il suo Requiem lasciato incompiuto. Così Mozart inizia a vagare per la Vienna contemporanea cercando di nascondere come meglio può la sua reale identità e cavarsela pur senza soldi né documenti. Ma, anche ora, è la musica a guidare i suoi passi e a fargli fare la conoscenza del violinista polacco e artista di strada Piotr, che ne riconosce l’incredibile talento musicale e lo porta con sé. I due cominciano a suonare insieme, Mozart accompagna Piotr al pianoforte, suonando con straordinaria abilità la musica di compositori che non conosce: Tchaikovsky, Dvoràk, Strauss. Ma è il jazz in particolare ad affascinarlo, e il Blue Notes jazz club diventa il suo posto preferito. Il problema è che, chiaramente, Mozart non può rivelare a nessuno la sua reale identità, così è costretto a troncare sul nascere nuove amicizie che cominciano, a tenersi sempre un po’ distaccato dagli altri e dai loro sentimenti. Almeno fino a quando si innamora, ricambiato, di una ragazza, Anju, che resta incinta di lui. E quando infine il Signor Mozart si decide a completare il suo Requiem si accorge che un altro 5 dicembre sta per giungere… cosa accadrà adesso?

 

e cosa può succedere ad un grande musicista, dal genio incompreso, che vive di musica ogni suono della terra, se si ritrova in un'epoca dove i suoni sono centuplicati

dove le auto hanno sostituito i cavalli

dove volano gli aerei

dove la musica si ascolta da un dischetto che manda lampi di luce

dove si suona non solo nei teatri ma anche nei bar e nei pub

che tipo di influenza potrà mai avere su un musicista classico che crede di essere stato proiettato nel futuro per completare il suo famoso Requiem

spassoso questo libro ... soprattutto perchè Mozart rimane Mozart ..... genio scanzonato e molto folle

e un finale ...... che non si dice

Partager cet article

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article

commentaires

la tartaruga folle 14/02/2011 09:18



immagino Marilena .... è il mio compositore preferito, ed era anche quello preferito da mia suocera .... peccato non essere riusciti a portarla a Salisburgo


in bocca al lupo per il concerto! ...... ^_^



Marilena7003 14/02/2011 08:40



Questo sarà il prox libro che leggerò ... proprio in questi giorni stiamo studiando il Requiem per il concerto di Pasqua .... tra le righe del pentagramma emerge il genio .... vedessi la
combinazione di note ..... un abbraccio Marilena