Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
21 mars 2012 3 21 /03 /mars /2012 08:22

Manuel-from-Angola.jpg

fonte: IL GAZZETTINO

 

Martedì 20 Marzo 2012,

Dall'Angola a Crespano per curare un bambino di 7 anni vittima della guerra.Una gara di solidarietà che vede in prima linea medici e infermieri dell'Usl 8 impegnati non solo professionalmente, ma anche finanziariamente per salvare da morte certa questo ragazzino. Manuel ha una ferita al volto provocata dalla guerra del 2005, ed è destinato a morire entro breve se non si procede con urgenza ad un intervento maxillofacciale per la ricostruzione. A portarlo in Italia, ci ha pensato, ieri, il dottor Aurelio Tommasi, direttore del Suem 118 di Crespano del Grappa, che nel suo tempo libero ha avviato un servizio analogo a quello pedemontano proprio a Luanda, capitale dell'Angola. Ed è in questi frangenti che è venuto a conoscenza della storia di Manuel che con i suoi genitori si è fatto a piedi 1200 chilometri in 5 anni per raggiungere la capitale dal loro villaggio e cercare di sfuggire alla guerra. Manuel, pur ferito, è uno dei pochi ragazzini scampati dagli orrori della guerra, ma se ora non si interviene chirurgicamente la sua morte è quasi certa.

Del caso, se ne è occupato Tommasi proprio mentre si trovava a Luanda, intento ad avviare un nuovo presidio medico in un luogo tra i più dimenticati della terra. Un caso, nonostante una vita passata nell'emergenza medica di tutti i tipi, che l'ha toccato a tal punto che ha deciso di tentare di fare qualcosa per salvare la vita a questo ragazzino sveglio, simpatico ed incredibilmente forte. Avuta una prima risposta concreta e positiva da colleghi ed infermieri dell'Usl 8, è ritornato in Angola a prendere Manuel e domenica sono arrivati in Italia, a Crespano. Oggi il bambino sosterrà una visita a Castelfranco con il dott. Procopio che si è impegnato ad operarlo a Padova nei prossimi giorni. Ci saranno spese mediche da sostenere e per questo sarà dato il via ad una sottoscrizione mentre per il soggiorno se ne son fatti carico alcuni medici e infermieri del Suem 118 di Crespano che stanno seguendo il caso in prima persona. Un bellissimo esempio di buona sanità.

IO

proprio un bell'esempio di buona sanità ..... ma soprattutto un bell'esempio di umanità, di solidarietà, di coraggio, di ... di tante cose e tutte positive

io sono orgogliosa di far parte di questa associazione, sono orgogliosa di avere come responsabili persone cosi "Grandi", sono orgogliosa del mio Doc e di tutti fra Dottori e infermieri che con lui stanno seguendo in prima persona non solo la sorte di Manuel ma  anche il servizio di emergenza creato in Angola

e come dico sempre ...... parlare di meno e agire di più

Partager cet article

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans volontariato
commenter cet article

commentaires

Godot 03/04/2012 18:23


Spesso ci dimentichiamo che esistono anche i bravi medici... sono felice che Manuel ne abbia incontrato uno!