Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
9 octobre 2009 5 09 /10 /octobre /2009 16:31
La terra è stanca .... la terra è sfruttata .... la terra viene trattata male ogni giorno .... la terra sta morendo!
Ma prima di morire ci sta regalando una serie continua di disastri .... forse un'ultimo grido di dolore .... o l'ultima richiesta di aiuto


46 anni fa .... 9 ottobre 1963:
riporto testualmente

Vajont è il nome del torrente che scorre nella valle di Erto e Casso per confluire nel Piave, davanti a Longarone e a Castellavazzo, in provincia di Belluno (Italia).

 

La storia di queste comunità venne sconvolta dalla costruzione della diga del Vajont, che determinò la frana del monte Toc nel lago artificiale. La sera del 9 ottobre 1963 si elevò un immane ondata, che seminò ovunque morte e desolazione.

 

La stima più attendibile è, a tutt'oggi, di 1910 vittime.

 

Sono stati commessi tre fondamentali errori umani che hanno portato alla strage: l'aver costruito la diga in una valle non idonea sotto il profilo geologico; l'aver innalzato la quota del lago artificiale oltre i margini di sicurezza; il non aver dato l'allarme la sera del 9 ottobre per attivare l'evacuazione in massa delle popolazioni residenti nelle zone a rischio di inondazione.

 

Fu aperta un'inchiesta giudiziaria. Il processo venne celebrato nelle sue tre fasi dal 25 novembre 1968 al 25 marzo 1971 e si concluse con il riconoscimento di responsabilità penale per la previdibilità di inondazione e di frana e per gli omicidi colposi plurimi.

 

Ora Longarone ed i paesi colpiti sono stati ricostruiti.

 

queste sono le foto che mio papà ha scattato il giorno dopo il disastro

una loro copia è presente nel museo di Longarone

gli originali sono ancora con noi

 

FOTO

Partager cet article

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans di tutto e di più
commenter cet article

commentaires

Daniela 13/10/2009 13:56


Quello che fa veramente rabbia é che poteva essere evitato.
Meno male che c'é chi come Paolini ogni tanto cerca di tenere viva la memoria nella speranza, magari, che non si ripetano queste tragedie.


angela 12/10/2009 13:43


Anche se ero piccolina, negli anni successivi ho visto dei documentari su questa sciagura. Da rabbrividere! Ma nonostante tutto non abbiamo imparato ad evitare queste disgrazie.
Mi sono fatta l'idea, ultimamente, che le ultime catastrofi si scaturiscono perchè da qualche parte del mondo, provono bombe nucleari. E' da quando si è scatenato lo zunami che ci penso. Ma le
provano o no queste armi??????????
P.S. Qualsiasi cosa tu possa scrivere, di libri, di politica, di interesse culturale e non, è un piacere venirti a leggere.
Bacione
Angela


carmen 12/10/2009 13:27


purtroppo non e' servito per prevenire altre catastrofi, ho la pelle d'oca!
ciao Carmen


Pam 11/10/2009 11:21


Grazie per aver condiviso con noi questa testimonianza fotografica in ricordo di questa terribile tragedia...per non dimenticare mai!
Pam


Effeti 09/10/2009 19:04


Purtroppo bisogna constatare che non abbiamo imparato molto in questi 46 anni,si continua a morire...ricordo di aver visitato quei luoghi cinque anni dopo la tragedia,ero una ragazzina e rimasi
impressionata...quella strada che sale alla diga,i segni della distruzione a valle , le lapidi del cimitero ,intere famiglie distrutte !
Grazie per aver condiviso le foto di tuo padre.