Overblog Suivre ce blog
Administration Créer mon blog
14 mai 2014 3 14 /05 /mai /2014 11:17


il-postoLa storia di un uomo - prima contadino, poi operaio, infine gestore di un bar-drogheria in una città della provincia normanna - raccontata con precisione chirurgica, senza compatimenti né miserabilismi, dalla figlia scrittrice. La storia di una donna che si affranca con dolorosa tenerezza dalle proprie origini e scrive dei suoi genitori alla ricerca di un ormai impossibile linguaggio comune. Una scrittura tesissima, priva di cedimenti, di una raffinata semplicità capace di rendere ogni singola parola affilata come un coltello. Il posto è un romanzo autobiografico che riesce, quasi miracolosamente, nell'intento più ambizioso e nobile della letteratura: quello di far assurgere l'esperienza individuale a una dimensione universale, che parla a tutti noi di tutti noi.


Piaciuto? non saprei dire. non mi ha dato profonde emozioni

quando muore qualcuno di caro la cosa più naturale che succede a tutti noi è quella di rivivere la sua esistenza e tirare delle somme.

questo libro è solo questo, la figlia.... sicuramente per un senso di colpa ..... racconta la vita di Suo padre

un Padre che fino al giorno prima di morire era soltanto uno come tanti con un posto qualsiari a questo mondo, uno che in fondo, pur cercando riscatto e una vita migliore, non è mai andato oltre, vuoi per mancanza di coraggio o di mezzi, è sempre rimasto appunto al "Suo Posto"

con questo racconto la figlia invece cerca di rendere la vita del Padre più importante di quello che è, di elevare il padre da semplice uomo a Uomo di buon cuore, uomo pieno di capacità, uomo sfortunato ....... un uomo che ha lottato duro (cosa del resto vera) in un periodo storico importante e pieno di cambiamenti per rendere più dignitosa la vita della sua famiglia ..... ma come riportato in un versetto ..... "se nasci contadino, puoi diventare ricco finchè vuoi, ma resti e resterai sempre un contadino" ...... non basta una casa più grande, un negozio, soldi, per far di te una persona "borghese" ...... elevarsi richiede molto di più

ciò non toglie che ogni vita è per me importante 

comunque, tirando le somme ..... è un bel racconto ..... ma nulla di più

 

 

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article
29 octobre 2012 1 29 /10 /octobre /2012 16:36

Follia.jpg

Le storie d'amore contraddistinte da ossessione sessuale sono un mio interesse professionale ormai da molti anni". Inghilterra, 1959. Dall'interno di un tetro manicomio criminale vittoriano uno psichiatra comincia a esporre, con apparente distacco, il caso clinico più perturbante che abbia incontrato nella sua carriera - la passione letale tra Stella Raphael, moglie di un altro psichiatra dell'ospedale, e Edgar Stark, un artista detenuto per un uxoricidio particolarmente efferato. E' una vicenda cupa e tormentosa, che fin dalle prime righe esercita su di noi esercita una malìa talmente forte da risultare quasi incomprensibile - finché lentamente non ne emergono le ragioni nascoste. Il fatto è che in questo straordinario romanzo neogotico McGrath ci scalza dalla posizione abituale, e confortevole, di lettori, chiedendoci di adottare il punto di vista molto più scabroso di chi conduce una forma singolarmente perversa di indagine: il lavoro analitico. Eppure qualcosa, forse una tensione che a poco a poco diventa insopportabile, ci avverte che i conti non tornano, e che l'inevitabile, scandalosa e beffarda verità sarà molto diversa da quella che eravamo stati costretti a immaginare.

 

come commentare questo libro?

se vogliamo sapere delle scrittura direi molto buona, è scorrevole, ben scritto, con quel tanto di intrigante che ti fa venir voglia di continuare a leggere .... si ottimo scrittore.

vogliamo parlare della storia e dei protagonisti?

per me non è una storia d'amore, è come dice il titolo una storia di Follia pura, l'amore non è come in questo caso annullamento è invece completamento

qui si racconta di una fuga dalla solitudine, dalla noia di una vita agiata ma poco elettrizzante, fuga da un marito troppo occupato a fare progetti professionali, fuga da una realtà che non piace più

e ogni volta che si fugge da qualcosa ci si butta a capofitto in qualcosa di nuovo, un nuovo che deve essere stimolante ma molto, molto elettrizzante, qualcosa che ti tenga con l'adrenalina alta

e cosi Stella dove cerca questa novità .... naturalmente nel luogo dove vive .... un manicomio ....

un uomo nuovo, un uomo che ha ucciso per amore, un uomo che sa come farla sentire "viva"

peccato che poi tutto prenda la strada della Follia .....

ecco, senza svelare la trama

solo due particolari ..... Stella non mi fa pena ma tanta rabbia, una donna che si butta via cosi in nome di un amore che non esiste non merita la mia pena

altro .... pensavo che si entrasse molto di più nelle particolarità della psiche ..... visto che il narratore è uno psichiatra e visto che tutto ruota intorno alla mente malata

invece trovo che questa parte sia stata lasciata troppo in secondo piano

 


 

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article
4 octobre 2012 4 04 /10 /octobre /2012 08:00

gatsby.jpgIl romantico ed enigmatico Jay Gatsby organizza feste sontuose nella speranza di avvicinare la donna amata in gioventù, Daisy, che ha sposato un uomo ricco e rozzo. Ne diventerà l'amante, ma un incidente automobilistico darà una tragica svolta al loro amore. Una descrizione spietata e partecipe del mondo fastoso e frivolo degli anni Venti nelle pagine indimenticabili dello scrittore simbolo della "generazione perduta".

una vita lussuosa, spensierata, senza preoccupazioni e vissuta solo in nome del Dio divertimento, priva di sentimentalismi o inutili preoccupazioni

è veramente cosi Gatsby?

oppure la sua vita è solo un paravento per nascondere qualcosa di triste e drammatico?

quel vivere fra persone delle quali non ci si ricorda nemmeno il nome o il viso, le folli corse in macchina

si viene catapultati in una società aristocratica dove tutto è scintillante e ci attrae meravigliosamente

e poi si scivola, verso il basso, nel freddo .....

meraviglioso romanzo .....

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article
3 octobre 2012 3 03 /10 /octobre /2012 08:00

la-ricamatrice-di-segreti.pngOceano Atlantico, 14 aprile 1912. È stata una bugia il biglietto che ha permesso a Tess di salire sulla nave più lussuosa del mondo, diretta in America: stanca di passare le giornate a cucire per pochi spiccioli e dotata di uno straordinario talento come ricamatrice, la ragazza ha trovato il coraggio di avvicinare Lady Lucile Duff Gordon e, mentendo sulla propria identità e sul proprio passato, ha convinto la celebre stilista ad assumerla come cameriera personale. Adesso, davanti a lei, si apre un mondo che sembra uscito da una fiaba: saloni maestosi, tavole imbandite, cabine sfarzose e, soprattutto, sontuosi abiti di velluto cangiante, pizzi raffinati, sete pregiate... Eppure, in quei pochi giorni di viaggio, non sono soltanto la magnificenza e la ricchezza a stupire Tess; ben più sconvolgenti, infatti, sono gli sguardi e le parole di Jim, l'umile mozzo che ha fatto breccia nel suo cuore. Proprio come, di lì a poco, un iceberg farà breccia nell'"inaffondabile" Titanic... New York, 18 aprile 1912. Giunti negli Stati Uniti, i sopravvissuti al naufragio del Titanic vengono accolti come eroi. Presto, però, l'ombra del sospetto oscura proprio la stella di Lady Duff Gordon, accusata da un giornale scandalistico di aver corrotto gli ufficiali di bordo pur di salire su una delle poche scialuppe di salvataggio. E, quando scoprirà chi è la fonte di quella notizia, Tess sarà costretta a una scelta drammatica..

la prima parte ricorda un bel film molto famoso sul naufragio del Titanic .... come non fare i paragoni?

una bugia, un caso, una fatalità ... e la protagonista si trova a vivere una delle peggiori tragedie del secolo scorso

però in effetti qui del naufragio si parla poco e in modo sobrio, senza tante sfumettature, solo i fatti essenziali

sono quelli che serviranno poi a sviluppare la vera trama del libro

il racconto del processo, i racconti dei superstiti e le loro crudeltà (cosa non fareste per salvarvi la vita?)

e la scelta ..... per poter vedere un sogno realizzarsi è giusto mentire su qualcosa di cosi drammatico?

o alla fine l'onestà avrà la meglio sul sogno di una vita?

bello ..... mi è piaciuto molto .... scritto bene .... insomma per gli amanti della storia da leggere sicuramente

 

 

 

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article
2 octobre 2012 2 02 /10 /octobre /2012 08:00

vangelo_nosferatu.jpgBOEMIA, 1741. In una cappella privata sulle rive della Moldava, una nobildonna ungherese, Eleonora Amalia von Schwarzenberg, sta per ricevere l’estremo saluto. Ma per accertarsi che la defunta riposi in pace, il cuore le è stato strappato dal petto e la salma giace sotto un pesante strato di pietre. Per evitare che risorga dalla tomba in cerca di vittime...

VENEZIA, 2010. L’ispettore Chris Bronson e l’ex moglie Angela Lewis sono in vacanza nella città più romantica del mondo quando all’improvviso, durante una visita all’isola-cimitero di San Michele, assistono a una macabra scena: una tomba si è aperta, e al suo interno è visibile lo scheletro di una donna. Nella tomba è custodito anche un diario scritto in latino, le cui pagine contengono un riferimento a un misterioso manoscritto. Intanto la città viene sconvolta da una serie di terribili omicidi: alcune giovani donne sono state torturate e uccise secondo un oscuro rituale. Quando anche Angela scompare, la vacanza si trasforma in un vero incubo e Bronson si ritrova improvvisamente coinvolto in una frenetica caccia all’assassino. Sulla spettrale “isola dei morti”, ripercorrerà le tracce di un’antichissima e letale cospirazione, che ha origini molto lontane, in un altro tempo e in un altro Paese…

 

 

l'idea è bella .... ma la scrittura non è delle migliori

gli errori sono tanti, qui lo scrittore si è documentato veramente poco, e non c'è suspence ..... senza brio

bella l'ambientazione a Venezia .... ma i personaggi sono totalmente privi di verve, sembrano apatici

eppure si parla di vampiri, di spiritismo, di antichi rituali

ma tutto come si parlasse di andare a fare la spesa

si legge, è carino .... ma mi aspettavo veramente di più

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article
1 octobre 2012 1 01 /10 /octobre /2012 08:00

mefistofele.gif"Ho peccato." Il messaggio in latino è tracciato, insieme a strani disegni, sulle pareti di una casa in cui una giovane donna è stata brutalmente assassinata. Lo scenario è da messa satanica. Un ritrovamento che turba l'atmosfera natalizia della città di Boston. Unico indizio concreto una telefonata partita dalla scena del crimine diretta a Joyce O'Donnell, la psicoioga nemica giurata di Jane Rizzoli, che segue le indagini affiancata come sempre dall'amica e anatomopatologa Maura Isles. Una telefonata a cui Joyce non ha mai risposto, almeno a sentir lei: la sera del delitto, infatti, partecipava a una riunione di un circolo molto particolare, il club Mefistofele, i cui soci si dedicano allo studio del male nelle sue varie manifestazioni, convinti che Satana esista e viva sulla Terra... Jane è assolutamente scettica e li ritiene solo dei ciarlatani; Maura però finisce per lasciarsi suggestionare dal clima di occultismo e soprattutto dall'affascinante e misterioso presidente del club. Gli omicidi si susseguono in una catena che non sembra destinata a interrompersi, e presto appare chiaro che qualcuno - qualcosa? - sta portando avanti un disegno di morte che colpisce per primi gli stessi affiliati al club. In uno dei casi più sconcertanti mai affrontati, Maura e Jane devono compiere un viaggio nel cuore stesso del male, contro un nemico ben più pericoloso di quelli incontrati finora. Un nemico la cui opera è solo agli inizi.

 

diabolico!

satanico!

Mefistofelico!

qui si parla di Diavolo .... del male assoluto .... il primo e il peggiore di tutti

uno dei migliori libri della saga della Gerritsen ....

colpi di scena e suspence da chi sarà?

quello delle sette sataniche è un argomento che richiama spesso la curiosità di tutti ..... è sconcertante però vedere (o leggere in questo caso) come anche il più scettico alla fine finisca inevitabilmente nella spira della curiosità verso questo male assoluto

in nome di Satana quanti omicidi son stati fatti?

anche in questo romanzo non vi si sfugge .....

 

 

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article
28 septembre 2012 5 28 /09 /septembre /2012 08:00

sparizioneÈ la fine di un’altra dura giornata di lavoro per l’anatomopatologa Maura Isles, quando un rumore improvviso nella cella frigorifera attira la sua attenzione: una giovane e bellissima donna, il cui cadavere era stato ritrovato in mare non lontano da uno yacht club, ha ripreso a respirare. Trasportata d’urgenza in ospedale, la ragazza appare terrorizzata, si sottrae con violenza alle cure e si rifiuta di rivelare il proprio nome. Mentre medici e poliziotti le si accalcano intorno, la situazione precipita: la giovane ruba una pistola a un agente e prende in ostaggio sei persone. E tra loro c’è la detective Jane Rizzoli al nono mese di gravidanza e in procinto di partorire. Chi è quella sconosciuta? Qual è la sua storia? Perché è così disperata? Domande alle quali Maura dovrà dare risposta, in una disperata corsa contro il tempo. Perché il conto alla rovescia è iniziato. E la verità spalancherà le porte all’orrore...

Siamo sicuramente di fronte ad una trama del tutto diversa da quella a cui siamo abituati .... Jane e Maura qui hanno dei ruoli del tutto diversi

Jane quasi mamma alle prese con un essere donna diverso da quello che voleva

Maura un pò in disparte

argomento principale lo sfruttamento ..... quindi niente serial killer o uccisioni fantasiose .... ma solo malavita

niente indovina chi è l'assassino?

e niente suspence che ti tiene sulle spine fino all'ultima pagina

sembra più che altro un racconto di vita .... brutta triste indegna .... ma vita reale

in ogni caso io adoro questa scrittrice e quindi 4 stelle tutte sue

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article
27 septembre 2012 4 27 /09 /septembre /2012 10:39

torre-di-londra.jpgSovrano assoluto. Questa è la definizione di sé che Enrico VIII vuole ribadire all'inquieta nobiltà del Nord Inghilterra, dopo aver scoperto un complotto per rovesciare la monarchia. A questo scopo, nell'autunno del 1541 il re intraprende una grandiosa visita ufficiale nel paese per ricevere atto di sottomissione. Lo accompagnano migliaia di soldati, la crema della nobiltà e la quinta moglie, la giovane e frizzante Catherine Howard. Anche Matthew Shardlake - che i lettori di C.J. Sansom hanno già incontrato nei precedenti romanzi "L'enigma del gallo nero" e "La scomparsa del fuoco greco" - viene convocato per far parte del seguito e per assicurarsi che un importante cospiratore arrivi vivo alla Torre di Londra dove sarà interrogato. Ma, nel fermento generale, l'acuto legale coglie alcuni segnali inquietanti e, aiutato dal fedele assistente Barak, indaga per conto proprio. Così, mentre l'augusto corteo avanza, mastro Shardlake incappa in una serie di compromettenti informazioni che, se rivelate, minerebbero la stabilità dei Tudor: dall'ambigua confessione di un moribondo alla sparizione di un cofanetto contenente allarmanti profezie, per non contare i molteplici, sanguinosi intrighi orditi nell'ombra... E anche il valente Shardlake ne paga le spese, subendo dei diabolici attentati alla propria vita...

 

ma quanto l'ho cercato e desiderato questo libro?

3° libro della saga delle indagini di Mastro Shardlake

come gli altri anche in questo c'è un bel mix di fantasia e racconti minuziosi sul periodo storico che ha visto come regnante in Inghilterra il famosissimo Enrico VIII

come negli altri i colpi di scena non mancano e la trama scorre via veloce .... lo si legge con piacere

in questo però c'è una nota in più, un soffermarsi di più su quelli che erano gli atteggiamenti all'epoca (non molto diversi da adesso a dire il vero) nei confronti di chi è "diverso" ....

 

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article
30 juillet 2012 1 30 /07 /juillet /2012 10:33

dubbio.jpgquando di libri ne possiedi tanti, può capitare a volte di fare un giro in libreria e a colpo d'occhio vederne uno e pensare: "uh..già letto" .... ma poi ti accorgi che non è cosi

cosa fa nascere questo dubbio?

l'uso di copertine uguali ...... il mondo dell'editoria brulica di coeprtine usate e riusate per libri diversi ......la fantasia è morta ........

 

bok1.jpg

bok4.jpg

bok5.jpg

bok6.jpg

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article
21 juin 2012 4 21 /06 /juin /2012 08:00

galeotto-fu-il-libro.jpg

 

(31° libro finito - 2012)

Israel Armstrong - lo sventurato bibliotecario sovrappeso, mezzo ebreo, mezzo irlandese, vegetariano, patologicamente timido e nevrotico, che, alla guida del suo bibliobus lungo le strade dell'Irlanda del Nord, risolve, più che altro per caso, piani criminosi e problemi domestici - è ormai prossimo al suo trentesimo compleanno. Ma le sue speranze di festeggiare l'evento sono stroncate da una terribile circostanza: all'improvviso la figlia di un poliziotto della cittadina di Tundrum sparisce misteriosamente. E Israel ha l'orrenda sensazione che quella sparizione abbia a che fare con quel libro, “Pastorale Americana”, che "lui" le aveva prestato nonostante appartenesse ai cosiddetti Fuori Scaffale, ovverosia quei libri tenuti «sotto il banco di distribuzione, debitamente catalogati e disponibili per il prestito, ma fuori dalla vista dei giovani, degli impressionabili e dei mentalmente infermi». A Israel non resta che ritrovare la ragazzina prima di essere scoperto e radiato dal ruolo di bibliotecario. Come se non bastasse, nel frattempo, deve anche cercare di ricucire con la sua ex fidanzata Gloria, che sembra non volerne più sapere di lui, e organizzare la sua festa di compleanno...

 

non che la saga di Israel sia una delle più belle .... è in effetti senza tante pretese .... i personaggi al quarto libro son sempre quelli e non portano più nessuna ventata di novità

però le storie del Biblobus a me piacciono ..... mi piace trovarmi in Irlanda sperduta nel verde e sotto la pioggia, mi piace bere qualcosa al pub dove le storie si arricchiscono di particolari ad ogni passaggio di bocca, mi piace anche sorridere dell'ingenuità della vita e anche si .... perchè no ... mi piace Israel.

ripeto ... senza tante pretese ... libro divertente ma non esilarante .... storia facile .... buona compagnia

Repost 0
Published by la tartaruga folle - dans libri
commenter cet article